Subalterno1
via Conte Rosso, 22 Milano
14 – 19 April 2015

from 10.00 am to 8.00 pm
Free entrance

Curated by
Stefano Maffei

A project by
Breaking the Mould

In collaboration with

Tecnificio
Zona Ventura Lambrate

Supported by
Materiaterza
Salviati

L’esposizione, curata da Stefano Maffei, mette in mostra un nuovo progetto di Breaking the Mould, in collaborazione con il laboratorio sperimentale Materiaterza. Venice >> Future ospita una serie di test controllati realizzati all’interno della prestigiosa fornace muranese Salviati. Tecniche tradizionali di soffiaggio del vetro, storicamente connesse all’isola di Murano e dipendenti dalle abilità dei suoi mastri vetrai, incontrano la stampa 3D della ceramica, un processo contemporaneo e mobile che permette di replicare oggetti identici. Il sito produttivo viene trasformato in un laboratorio dove si fondono tecniche analogiche con quelle digitali.

Venezia meticcia: la tradizione deve essere reinventata
Testo di Stefano Maffei

Un viaggio a Venezia è un itinerario nella materia. Antica e mescolata.
Lavorata seguendo una centenaria tradizione e intrecciata da stili e forme stratificate.
Ogni frammento che la compone contiene una storia.
Una storia di artefici e di tecniche, solidificate nelle forme materiali e I processi del lavoro.
Insediate in luoghi canonici come le botteghe, le fornaci: pensieri, mani, strumenti si sono raffinati in una pratica continua, tramandata attraverso una conoscenza tacita fatta di gesti, parole, sguardi.
A Venezia si impara dalle cose.
Negli spazi dove le cose stesse vengono realizzate la materia incontra la mano, lo strumento e l’idea.
Breaking the Mould e Materiaterza hanno preso tutto questo e realizzato un esperimento creando un métissage che fa incontrare la tradizione e l’innovazione contemporanea.
Un’idea semplice li guida: realizzare una combinatoria immaginifica tra due processi produttivi agli antipodi.
Da una parte abbiamo la produzione di vetro artigianale soffiato a bocca: la testa, il cuore, i polmoni e l’esperienza del maestro soffiatore costruiscono ogni volta un unico replicabile legato alle peculiarità specifiche dell’uomo e del momento.
E’ un link profondo, scavato nelle mani di chi lavora, alla storia e al territorio in cui la materia prende forma, l’isola di Murano.
Dall’altra c’è il processo di produzione della ceramica attraverso la tecnologia della stampa 3D: un unico seriale producibile ovunque e sempre con le medesime caratteristiche.
Lo sposalizio alchemico avviene nella fornace.
Le materie e i processi e le forme si uniscono in una serie di test controllati che esplorano i diversi gradi di interazione tra questi due mondi.
I risultati sono ibridazione e incrocio.
Fusione.
Ne discende un nuovo, sperimentale, unico, armonico processo di produzione che Subalterno1 mette in scena.
Una rigenerazione che trasforma il luogo stesso di produzione, la fornace e i suoi prodotti in un nuovo, analogico-digitale laboratorio del fare.